I chihuahua toy non esistono.

Non esiste un nome per definire gli esemplari piccolissimi di Chihuahua, semplicemente perchè sono chihuahua come tutti gli altri. Quelli piccolissimi non nascono da particolari selezioni o da mamme piccole che partoriscono solo cani piccolissimi.. e nemmeno da allevamenti specializzati in "Chihuahua Toy".

Sono semplicemente nascite naturali, seepur rare. La razza del Chihuahua non prevede ( come altre razze ) la taglia toy, nana, media o grande. Ci sono sono alcune cucciolate dove nascono dei chihuahua molto più piccoli dei loro fratelli, che se hanno un po' di fortuna e molto aiuto dalla mamma e dagli allevatori, ce la faranno ad arrivare all'età adulta. (sono molto più fragili e a rischio di problemi di salute).

Negli allevamenti seri non vi verrà mai proposto come pubblicità il “chihuahua Toy”. In generale con gli annunci TOY si cerca di attirare le persone con il miraggio del chihuahua piccolissimo, ma vengono venduti chihuahua normali che sono già piccoli per morfologia di razza (1500 3500 gr) oppure chihuahua deliziosi, piccolissimi che poi crescendo diventeranno come peso oltre il massimo dello standard.

Si tratta spesso di un cucciolo venuto dall’Est ed importato illegalmente, vengono ceduti con documenti contraffatti dove si legge l’età del cucciolo (esempio 3 mesi), ma in verità il cucciolo stesso ha solo 2 mesi, quindi sembra veramente molto molto piccolo rispetto all’età e gli sprovveduti, che chiaramente si fidano dei negozianti o di falsi allevatori, ci cascano.

Per sapere approssivamente l'età, in caso di perplessità sul venditore, il veterinario, dall'esame della dentizione, può darvi un'indicazione abbastanza precisa. Più semplicemente se vedete un chihuahua che sembra minuscolo ma ha delle belle zampotte, non sarà mai piccolissimo da grande come ve lo propongono.

Riceviamo di continuo telefonate o email, ci riferiscono spesso di chihuahua che non corrispondevano affatto alle previsioni fatte e sperate.
Per definire un chihuahua piccolissimo si deve confrontare con gli altri fratelli o fratellastri, controllare il peso nei primi 3 mesi ed in base a delle tabelle virtuali di crescita si stabilisce il peso approssimativo da adulto. Questo lo fanno solo persone serie che, pur allevatori, non sono "commercianti", ma appassionati profondamente a questa razza ed onesti con il prossimo.

Se i cuccioli piccolissimi di chihuahua (dai 70 gr ai 130 gr alla nascita) non vengono allattati dalla madre almeno la prima settimana è spesso inutile che ci preoccupiamo amorevolmente di allattarli con il latte artificiale in polvere ogni 2-3 ore. O non hanno la capacità di puppare ed ingurgitare dalla siringa o biberon, o possono avere una Broncopolmonite ab ingestis, cioè ingurgitano il latte non nello stomaco ma nei polmoni con conseguente broncopolmonite mortale o soffocamento,oppure anche se con mille difficoltà si riesce a farli mangiare, non avendo assimilato gli anticorpi dal latte materno, importantissimo ed essenziale nei primi giorni di vita, entro poco tempo muoiono. La difficoltà a farli sopravvivere nei primi mesi e la loro rarità fa chiaramente lievitare il prezzo.

Sembra incredibile, ma i Chihuahua Micro, Toy o piccolissimi come vogliamo chiamarli, sono gli scarti degli allevamenti. E non per problemi di salute, carattere, eccessiva sensibilità a stimoli esterni (persone,cani,caldo,freddo…) o altro, solo per il fatto che non si possono riprodurre e per il fatto che non hanno le caratteristiche di ossatura, muscolatura, altezza, peso ecc. che rispetti lo standard di qualità e di bellezza del Chihuahua (a cui aspirano tutti gli allevamenti migliori). Sarebbero infatti troppo piccoli per trovare un compagno dell’altro sesso piccolo come loro, per sopportare gravidanza e parto, e anche se andasse tutto bene nascerebbero cuccioli troppo microscopici per sopravvivere le prime settimane ed avere una buona salute.Per i maschietti stesso discorso... difficoltà di monta, eventuali testicoli ritenuti (criptorchidismo) e se si accoppiano con femmine anche un pò più grosse i cuccioli sarebbero estremamente delicati e piccoli.

E' scopo di un allevamento mantenere i Chihuahua nel loro standard ottimale; cuccioli troppo piccoli, riprodotti, indebolirebbero troppo, a lungo andare, le caratteristiche di questa razza, già molto piccola di per sè.

Sono cuccioli "improduttivi" per gli allevamenti, faranno felici ed orgogliosi una famiglia che li terrà come piccoli tesori ed un allevamento che ama veramente i Chihuahua forse li terrà senza cederli a fine di lucro. Ma a volte vengono tenuti nascosti, tutti li vorrebbero e gli altri, nello standard, bellissimi, perfetti, forse futuri campioni, sarebbero visti come poco dolci e teneri, enormi, e considerati come scarti di poco valore!!!

Cerchiamo di essere più chiari.
Nonostante abbiano un costo più elevato, sono cuccioli difficili da trovare perché sono i Cria della cucciolata, cioè quelli più piccoli degli altri fratelli. Spesso muoiono perché sovrastati dagli altri o perché hanno poche forze per puppare bene o perché trascurati dalla madre che è sottomessa agli altri più forti ed invadenti, ed ammesso che superino i 45-60 giorni arriva il momento dello svezzamento.. durante questo periodo, molto delicato, mentre i cuccioli "normali" si scavalcano e fanno di tutto per superare gli altri e mangiare la nuova pappa, i micro spesso sono disappetenti, mangiano poco non solo perchè rimangono alle spalle degli altri.
Anche se li isoli annusano, mangiucchiano e poi ti fanno ammattire. Stai male a vedere che non si abbuffano, prepari mangiarini a parte con tutto il tuo impegno, mangiano un pò ed il giorno seguente magari lo rifiutano. Possono morire anche dopo il secondo mese. Bisogna essere fortunati e seguirli passo passo, giornalmente, con mille attenzioni e trucchetti, come farli mangiare con un altro cucciolino.. solo per competizione si fanno avanti curiosando un pò e magari mangiano anche loro.
Non potendosi riprodurre sono un “peso” per un allevamento. Ma mettiamo che ad un allevatore non interessi la riproduzione bensì la bellezza, sono chihuahua spesso molto belli e particolari, ma se vengono portati alle gare e mostre ufficiali (dove gli allevatori sono soliti andare per cimentarsi con gli altri e cercare di dare lustro al proprio allevamento) solo i Chihuahua nello standard hanno possibilità di venire esaminati positivamente e vincere.
Gli adorati e bellissimi chihuahuini non avrebbero storia, il giudice vi potrebbe dire: amorevole, carino, delizioso, unico.. ma lo riporti a casa.

Questo è il quadro dei “chihuahua Toy” che molti, alle prime armi con questa razza, non conoscono. Eppure esistono chihuahua piccolissimi, in forma perfetta, agili, sani, affettuosi, ma trovarli e vedere che nei mesi rimangono piccoli ed in salute è raro. Come si fa a fidarsi e a spendere bene qualcosa di più rispetto ai Chihuahua Standard pur sempre piccoli?

Un allevatore serio li deve seguire con attenzione, li deve cedere in ritardo rispetto agli altri cioè al 4° o 5° mese quando lo sviluppo fisico è quasi completo. Si deve inoltre aspettare che abbiano almeno superato i 600 grammi di peso. In questo modo, per la sicurezza del cucciolo e del nuovo proprietario, per la gioia dell'allevatore (il quale chiaramente adora i suoi cuccioli che ha visto sbocciare dal primo giorno di vita), saremo sicuri del peso e dello sviluppo da adulto, sapremo con i controlli veterinari che è esente da malformazioni,ed ormai "grande" il cucciolo sarà in grado di socializzare facilmente con nuovi proprietari, o animali già presenti nella nuova casa e con il mondo esterno. Sarà dura cederli al 5° mese credetemi, ormai faranno parte della famiglia, ma è anche giusto per loro avere solo su di se tutta l'attenzione e l'amore che meritano. In un allevamento, per quanto grande sia l'affetto, viene suddiviso tra tanti cuccioli ed adulti. Per questo quando ci lasciano pur dispiaciuti siamo felici per loro.

Ci raccomandiamo poi, sempre, di stare attentissimi con tutti i Chihuahua ma specialmente con questi esemplari piccolissimi.
Deve inoltre essere dato a persone fidate che possibilmente abbiano o abbiano avuto un altro chihuahua o che posseggano un altro cane mansueto che possa far loro compagnia, e senza bambini troppo piccoli che anche solo per gioco potrebbero essere pericolosi per il cucciolo. Solo con queste condizioni queste creature saranno la gioia della famiglia ed ammirate da tutte le persone che incontreranno. Vi fermeranno per chiedere notizie, accarezzarli, fare fotografie.
Sono veramente unici ed una volta superati i primi 4-5 mesi sono chihuahua come gli altri! Energici, scattanti, affettuosissimi.

In tante cucciolate che abbiamo avuto ce ne sono nati e vissuti solo 2 che non abbiamo ceduto per affetto e per paura che con altri proprietari non si trovassero bene. Non tanto però per le persone, quanto per la mancanza della compagnia di altri chihuahua, infatti pur in forma smagliante, spesso mangiano per competizione vedendo gli altri, anche se hanno poco appetito è uno stimolo per loro rubare un granellino agli amici e quando sono troppo piccoli non mangiare abbastanza e magari perdere qualche grammo può essere l’inizio di un deperimento pericoloso.

Si chiamano Maya e Kalì, a loro diamo più spesso macinato, uovo, parmigiano, pollo lesso... hanno bisogno di un minimo di attenzioni in più.
Inoltre Maya che è la più piccola di tutti i nostri chihuahua, è l’unica che sale e scende le scale a vista più volte al giorno (quelle che in genere fanno paura ai chihuaua). Sale dietro a noi o sale da sola per andare un po’ a letto, quando ha voglia di star fuori o giocare scende.

I nostri Micro Chihuahua che potete vedere a galleria fotografica "Nostre mascotte". In foto sotto, Maya a 2 anni (850 gr).



Come tentare di rimediare ad allergie al gatto, al cane, al furetto

Le allergie ad inalanti, alimenti, animali sono sempre più in aumento. Quante volte sentiamo dire mi piacerebbe tenere un gatto ma…quando vado dalla mia amicache ha un cane mi riempio di prurito…io di persona, Michela, qualche anno fa,ho avuto un’allergia tremenda ed improvvisa ad un criceto comprato poche ore prima per il figlio e sono dovuta correre in farmacia per cercare del cortisone, non respiravo più, prurito, rossa come un peperone, ma per fortuna  mio marito è medico e non sono stata completamente travolta dal panico.

Garantisco che è una esperienza tremenda e ce ne sono di peggori della mia che se non fai in tempo ad arrivare ad un pronto soccorso sono guai (Shock Anafilattico). Eravamo a Cannes x un wend, senza particolari medicine con noi...solo 2 giorni di vacanza. A Cannes non c'è l' ospedale.

Mi sono sentita male alle 23 mentre giocavo con il bimbo ed il criceto. Perdendo molto tempo abbiamo cercato una farmacia aperta e ci siamo resi conto che a Cannes, tutte le farmacie chiudono alle 22, nessuna di turno...

Chiedendo informazioni abbiamo capito che forse era aperta la farmacia della polizia...senza girare ancora a vuoto siamo corsi a Nizza e ce la siamo cavata. Ma abbiamo perso un sacco di tempo.. ed io stavo sempre peggio. Consultando il vostro medico, chi sa di avere allergie importanti, dovrebbe portare sempre con se Adrenalina e Cortisone. Una crisi allergica acuta ti può prendere alle ore più impensate e in luoghi lontani da immediata assistenza medica, un bosco per esempio...

Le allergie agli animali sono dovute a pelo,forfora e saliva. Nei gatti l'allergia è dovuta ad una proteina particolare contenuta nella saliva (Fel d1). A quanto ne so, a livello gatti, l’unico che è innocuo per persone allergiche è il Gatto Siberiano perché non ha tale proteina.Chi volesse cercarlo…ma ci sono pochi allevamenti.

Come combattere questo problema?

Una persona, mentre prendeva da noi un chihuahua, ci ha parlato di un prodotto che ha provato la fidanzata  per una allergia al gatto e sembra non abbia più problemi. Si chiama: ALLERPET® realizzato appositamente per chi soffre di allergia al gatto e allergia al cane , permette di poter convivere perfettamente con i propri piccoli amici .

Elimina o ridurce nei casi più gravi, gli agenti che provocano in molte persone allergia ai gatti, ai cani, ai furetti, e ad altri animali domestici.

(Tratto da scheda informativa del farmaco su internet)

Sperimo qualcuno legga questo articolo e ne possa trarre giovamento.

http://www.bioallergen.com/


ZANZARE, un pericolo ed un fastidio per noi e per i nostri cuccioli.

COME PROTEGGERCI

 

Tutti sappiamo che è nostro dovere prevenire le punture di zanzare sui cani con i prodotti come Advantix in modo da eliminare il pericolo di infezioni che possono portare a vari problemi tra i quali il più grave è la Leishmaniosi.

Dopo consiglio di altri allevatori abbiamo provato un prodotto che non tutti conoscono probabilmente : ZAPI Zanzare. http://www.zapigarden.it/zapi_ita/ Per uso domestico e civile.

E' un prodotto che va diluito in acqua e vaporizzato su manti erbosi, muri, pavimenti, terrazzi ecc...nella tarda serata allontanando gli animali. La mattina seguente si può permettere agli animali di vivere dove è stato irrorato il prodotto.

Oltre che per la prevenzione delle punture sui nostri animali, sempre molto pericolose, può essere molto utile anche per noi, dato che le zanzare sono molto fastidiose e spesso danno problemi di pomfi e prurito insopportabile con non rari esiti pigmentari.

Lo abbiamo provato e sembra funzionare. Difende anche da Zanzare Tigre e mosche.


Ecco l'elenco degli articoli un po' più "burocratici". Qui troverete un po' di notizie sulla legislazione italiana riguardo i nostri amici a 4 zampe; ci concentriamo più che altro sugli aspetti legati alla cessione e all'acquisto del cucciolo, in modo da rendervi preparati a questo, evitando di cadere in truffe e conoscendo i propri diritti e doveri.. poi man mano che troviamo altri articoli utili a tema cercheremo di catalogarli e proporveli qui.


 Con i nostri articoli sulle malattie dei cani non vogliamo assolutamente sostituirci ai Medici Veterinari, insostituibili.

Parleremo di alcune malattie un pò più comuni e che più spesso possiamo incontrare, a volte anche per esperienza diretta, nei nostri amati chihuahua. Nel nostro sito abbiamo cercato di scrivere non in  astratto con argomenti inutili o noiosi, ma in modo pratico ed utile, almeno lo speriamo.Non faremo quindi un elenco o un trattato sulle malattie, ma elencheremo solo quelle che via ci sembrerà opportuno perchè incontrate direttamente nel nostro allevamento, raccontate da altri allevatori o dai veterinari, riferite da proprietari con email.

Vogliamo solo chiarire alcuni aspetti delle malattie un po’ più comuni per chi ha voglia di documentarsi o per chi, avendo letto un nostro articolo, possa dar importanza ad un eventuale malessere del proprio cane e quindi non sottovalutarlo.

Spesso i nostri cani, come noi umani, hanno piccoli disturbi che passano da soli in pochi giorni ed a cui non dobbiamo dare troppo peso. Altre volte piccoli disturbi che si prolungano nel tempo o che si ripetono via via possono essere un segnale per il quale è utile ricorrere al Veterinario.

Non bisogna comunque essere troppo apprensivi, con un chihuahua si può dormire tranquilli, è un cane molto robusto, antico, non un soggetto con esasperate modificazioni genetiche, poco incline da ammalarsi.

 

Chiaramente con l’età…tutti abbiamo dei problemi.


DEMODICOSI - ROGNA DEMODETTICA - ROGNA ROSSA

La demodicosi colpisce il pelo dei cani ed è dovuta ad un acaro, il Demodex canis che si riproduce nei follicoli piliferi. Viene comunemente chiamata “Rogna rossa”.

Gli acari di questa specie possono sopravvivere solo sulla pelle, qualora ne siano allontanati vengono rapidamente a morte.

Sono parassiti che non si possono trasmettere all’uomo.

E’ tipica dei cani e dei gatti e non si trasmette in altri animali.

Esistono diverse forme di demodicosi:

Demodicosi localizzata - Demodicosi generalizzata - Demodicosi giovanile - Demodicosi dell’adulto.


CAUSE :

La sua comparsa sembra sia dovuta a fattori debilitanti ed ereditari. Inoltre è stato anche dimostrato che quando il Demodex canis è presente in grande numero nella pelle del cane malato produce un fattore chimico capace di deprimere a sua volta il sistema immunitario!

I fattori che influiscono negativamente sul buon funzionamento del sistema immunitario sono: età, pelo corto, cattivo stato di nutrizione, estro, parto,stress, parassiti intestinali e malattie debilitanti.

L’ acaro incriminato è presente comunemente, come tutti gli altri acari, nell'ambiente circostante.

Questa malattia non avviene per contagio tra madre e figlio/i ma si trasmette in forma ereditaria. Può essere passata dal padre o dalla madre e possono essere colpiti parte della cucciolata, un solo cucciolo o nessun soggetto della prole.

Il parassita può essere presente in numero ridotto nella pelle di molti cani sani senza per questo dare origine alla malattia. Solo in alcuni soggetti si moltiplica a dismisura dando la tipica sintomatologia.

Questa forma parassitaria , allorchè si manifesti in età giovanile, colpisce con maggior frequenza i cani di razza pura come il levriero afgano, il pastore tedesco, il bulldog inglese, il bassotto, il chihuahua, il carlino, il beagle, il pointer tedesco a pelo corto, il terrier scozzese, il boston terrier, etc.

E' stata riconosciuta una predisposizione di razza per Shar Pei, West Highland White Terrier, Staffordshire Bull Terrier, Boxer e Alano.

Fattori favorenti in età giovanile sono allattamento e stress (molti cani importati illegalmente dall’est e trasportati da noi in condizioni precarie ne possono essere affetti più facilmente).

Quando si presenta in età adulta, generalmente non è correlata con una determinata razza , ma con condizioni debilitanti.


SINTOMI :

Demodicosi localizzata

Si osserva in genere nei cani giovani (3-6 mesi di età), con alopecia (perdita di pelo a chiazze), arrossamento della pelle, punti neri, desquamazione tipo forfora, Il prurito non è frequente. Tali lesioni sono localizzate prevalentemente sulla testa e sugli arti anteriori e sono in genere da 1 a 6.Può essere presente otite.

Demodicosi generalizzata

Si definisce generalizzata se le lesioni sono in numero superiore a 6, se è interessata una intera regione del corpo (es. testa) o se sono interessate almeno due zampe.

Si osserva in cani giovani (prima dei 2 anni, demodicosi giovanile) o nei soggetti adulti e anziani (dopo i 4 anni,In questo caso viene chimata Demodicosi dell’adulto). Possono essere anche presenti altri disturbi come otite, infezioni batteriche e gonfiore dei linfonodi. Il prurito, se presente, è associato all’infezione batterica. La demodicosi dell’adulto si può manifestare in cani già malati di altre patologie (ipotiroidismo, diabete mellito, leishmaniosi ecc…) o sottoposti a terapie con farmaci che sopprimono l’attività del sistema immunitario.


DIAGNOSI :

tramite l’esecuzione di raschiati cutanei profondi e di un esame microscopico del pelo. Si osservano acari in grande numero ed in diversi stadi del ciclo vitale (uova, larve, ninfe, adulti). E’ inoltre importante identificare le infezioni batteriche complicanti. Se il cane presenta la malattia in età superiore a 4 anni, è necessario cercare di diagnosticare anche l’eventuale malattia che può aver favorito la comparsa della Demodicosi.

Nella forma localizzata un'alta percentuale di casi può risolversi spontaneamente, mentre in quella generalizzata rara è una guarigione nella totalità dei casi.


PROGNOSI :

Nella demodicosi localizzata le singole lesioni guariscono spontaneamente entro un paio di mesi, anche se in taluni casi possono persistere più a lungo.

Il cane deve mantenersi in buone condizioni di forma e può essere trattato solo localmente.

Nella demodicosi generalizzata è necessario attuare una terapia di lunga durata e portare regolarmente il cane dal veterinario per constatare i risultati della stessa ed apportarne eventuali modifiche. Sarà inoltre necessario effettuare controlli periodici ogni tre mesi per un anno.


TERAPIA :

si basa sull'impiego di trattamenti locali con particolari prodotti e secondo le modalità stabilite dal veterinario in funzione del quadro clinico e sull'uso di farmaci per via generale, specialmente nei casi in cui le cure locali non hanno sortito i risulati sperati.

Demodicosi localizzata: guarisce spontaneamente nel 90% dei casi e non è necessario alcun trattamento. L’applicazione topica di prodotti contenenti benzoilperossido può accelerare la risoluzione delle lesioni.

Demodicosi generalizzata: si possono usare farmaci per via orale (ivermectina, milbemicina) - spugnature con prodotti antiparassitari (amitraz) - prodotti spot on (moxidectina-imidacloprid, metaflumizone-amitraz).

Molto utile è la somministrazione di vitamina E.

La terapia va continuata fino ad ottenere due esami microscopici negativi consecutivi a distanza di 1 mese e può durare anche molti mesi. Spesso si antibiotici se è presente anche un’infezione batterica.


PROGNOSI

La prognosi è favorevole per la forma localizzata e riservata per le altre forme, infatti a volte è possibile ottenere solo il controllo della malattia ma non la guarigione completa.

Inoltre nei soggetti adulti la prognosi è dipendente della gravità della malattia sistemica concomitante.


Demodicosi nel cane: diagnosi e terapia Ralf S. Mueller Dr Med Vet, Dipl ACVD, FACVSc, Monaco, Germania 50° Congresso Nazionale Multisala SCIVAC.

Demodex canis è un parassita obbligato nel cane e la presenza di un basso numero di acari costituisce una parte normale della flora cutanea. Gli acari demodettici vengono trasmessi dalla cagna ai neonati lattanti entro i primi giorni dalla nascita. I cuccioli nati morti o per taglio cesareo non ospitano acari. La trasmissione della forma clinicamente manifesta della malattia dai cani colpiti a quelli sani non è stata possibile tranne che per uno studio. Il ciclo vitale prevede la deposizione di uova fusiformi che schiudono in larve esapodi, che mutano in ninfe ottopodi ed infine maturano negli adulti. Nel cane, Demodex canis è l’acaro più comunemente riconosciuto, ma sono anche state descritte una specie di Demodex a corpo corto ed una a corpo lungo. È stato ipotizzato che gli acari a corpo corto abitino nello strato corneo e che quelli a corpo lungo risiedano nell’unità pilosebacea.
Quando si considera la patogenesi della demodicosi del cane, è importante distinguere fra la malattia generalizzata ad insorgenza giovanile e quella ad insorgenza in età adulta.
Per la prima, certe razze sono considerate a rischio. La rigorosa eliminazione dei riproduttori portatori di entrambi i sessi riduce, se non elimina, la demodicosi generalizzata giovanile dai canili da riproduzione. L’analisi di due canili ha suggerito una trasmissione ereditaria autosomica recessiva una trasmissione ereditaria autosomica recessiva. Altri fattori predisponenti citati in letteratura sono il pelo corto, la cattiva nutrizione, lo stress, l’estro, le endoparassitosi e le malattie debilitanti.La demodicosi ad insorgenza in età adulta può venire scatenata da farmaci o malattie che alterano la risposta immunitaria. Nei cani colpiti da questa forma di demodicosi sono stati segnalati ipotiroidismo, iperadrenocorticismo, leishmaniosi, terapia con glucocorticoidi, neoplasie o chemioterapia, sebbene nel 25% circa dei pazienti con demodicosi da età adulta si osservi una forma idiopatica della malattia.
Nel gatto, la demodicosi è tipicamente dovuta ad una malattia sistemica sottostante!
Clinicamente, la demodicosi del cane è caratterizzata inizialmente da papule follicolari. Tuttavia, si possono osservare anche eritema, comedoni, pustole e croste e tutti i cani che presentano delle affezioni cutanee caratterizzate dalla presenza di lesioni devono essere sottoposti all’esecuzione di raschiato per la diagnosi della demodicosi. Le lesioni possono essere localizzate in qualsiasi punto dell’organismo, ma risultano più comunemente colpiti il muso e le zampe.
La diagnosi viene formulata mediante raschiati profondi o tricogramma, occasionalmente è necessaria una biopsia.
La demodicosi localizzata si risolve spontaneamente nel 95% dei pazienti. È possibile iniziare un trattamento nei confronti delle eventuali infezioni batteriche concomitanti con benzoilperossido o con antibiotici per via orale, ma di solito la terapia acaricida non è necessaria e non va avviata nei cani interi per identificare i pochi pazienti in cui in seguito si sviluppa la forma generalizzata, perché, per prevenire la trasmissione della predisposizione alla progenie è indicata la castrazione. Il trattamento della demodicosi generalizzata viene riportato più sotto.
Per la terapia nel gatto si raccomandano risciacqui con solfuro di calce (2%) da effettuare settimanalmente per 4-8 settimane.
Trattamento
L’amitraz. Le reazioni indesiderate associate alla sua somministrazione o applicazione sono sedazione, bradicardia, ipotermia, ipotensione, meteorismo, poliuria, vomito ed iperglicemia.
La ioimbina è efficace nei confronti di demodicosi, rogna sarcoptica, Cheyletiella spp. ed Otodectes cynotis.
Per consentire un miglior contatto del farmaco con la cute è essenziale tosare tutto il cane. Bisogna rimuovere tutte le croste (preferibilmente ricorrendo ad uno shampoo con un detergente antibatterico follicolare come il benzoilperossido).
Prima di essere sottoposto alle spugnature con amitraz, il cane deve essere completamente asciutto (2-8 ore). L’operatore che effettua il trattamento deve indossare guanti protettivi ed agire in un’area ben ventilata. Bisogna suggerire ai proprietari con asma di trovare qualcun altro che effettui l’operazione. I cani devono essere messi in piedi in una vasca da bagno con le zampe in una soluzione di amitraz in modo da consentire alle estremità, che spesso sono colpite in misura notevole, di inzupparsi. L’amitraz induce un effetto sedativo transitorio per 12-24 ore.Nei pazienti con demodicosi, la procedura va ripetuta fino a che siano trascorse 4 settimane dal riscontro di due raschiati cutanei successivi (eseguiti a distanza di 2-4 settimane l’uno dall’altro) che non abbiamo rivelato acari demodettici vivi.
L’ivermectina (Demodex) somministrata per via orale alla dose di 300-500 mcg/kg/die viene utilizzata per il trattamento della demodicosi e della rogna sarcoptica, con buon successo.
Non va usata nei collie e nei bobtail, perché in queste razze provoca comunemente reazioni avverse.
L’ivermectina paralizza i nematodi e gli artropodi. Se si riscontra qualsiasi segno di atassia o tremore, la somministrazione del farmaco va sospesa immediatamente.
La milbemicina ossima è un antibiotico macrolide ottenuto dalla fermentazione di Streptomyces hygroscopicus e registrato per la prevenzione della filariosi cardiopolmonare mediante somministrazioni mensili.I vantaggi di questo farmaco rispetto alla terapia convenzionale con amitraz sono rappresentati dalla rarità dell’occorrenza di effetti collaterali e dalla facilità di somministrazione. Il trattamento è molto costoso nei cani di grossa mole. La risposta è paragonabile a quella indotta dall’amitraz.
Anche la milbemicina viene utilizzata per 4 settimane dopo il secondo raschiato cutaneo negativo.
La moxidectina è un’altra milbemicina che è stata valutata per la terapia della demodicosi generalizzata del cane.


Cuccioli disponibili Chiama adesso