Allevamento Molly's Chihuahua, Powered by Joomla!
Il parto nella scatola PDF Stampa
Scritto da Administrator   
Mercoledì 12 Settembre 2012 23:40

 Maythong

maithong parto nell scatola19

Abbiamo spesso visite, ci rubano un po’ di tempo ma sono sempre gradite ed utili per scambi di notizie, consigli, ecc.

Ieri sera (prima sera libera dopo i parti) abbiamo avuto la visita molto gradita di un amico allevatore con famiglia. Tra le tante cose dette ad un certo punto si è rivolto a me “senti franco, non te la prendere, ma ti devo dare un consiglio. Nelle foto dei parti non far vedere scatole di cartone, giornali strappati, sangue  ecc. Danno una brutta impressione, viene da dire…guarda come li tengono. Meglio presentarli bene con traversina pulita, cuccia magari in tappezzeria o plastica ecc…”. E’ vero che succede così, ma le persone non lo capiscono. E Michela “ è vero, ho avuto la stessa impressione anch’io”.

Mi hanno fatto riflettere e la trovo una osservazione giustissima. Ho risposto all’incirca: chi ha preso i cuccioli da noi sa come li teniamo e credo non ci siano problemi, inoltre nell’articolo del sito “Gravidanza e parto” (vedi) ho scritto…mettere una scatola di cartone, ritagliarla…quando fanno il nido e iniziano a scavare ed a strappare i giornali vuol dire che siamo vicini al parto quindi massima attenzione per la futura mamma…

Quindi chi vede le foto e  legge l’articolo sa come dovrebbero essere preparati e come si svolgono i parti. Inoltre non abbiamo niente da nascondere, se i parti avvengono così non so perché dovrei presentare le foto in modo diverso.Chi viene da noi con appuntamento o a sorpresa trova lo stesso ambiente, gli stessi cuccioli più o meno liberi in casa o in giardino, gli stessi adulti ecc. Non dobbiamo preparare un teatrino come presentazione o abbellire la “merce” per venderla. Magari chi viene avvertendo prima trova la sala un po’ più ordinata.

Non sappiamo come avvengono i parti negli altri allevamenti perché non ho mai visto foto di un parto (vedi parto cesareo) o foto come le nostre abbastanza crude ma reali ed “in tempo reale” (parto di Melody 28 Aprile 2013) : la foto del primo cucciolo, dopo un’ora riusciamo a mettere su internet la foto del secondo e così via via. Crediamo sia una cosa bella ed interessante, che non si vede normalmente  e non possiamo certo dopo 2 cuccioli spostare la madre su una traversina pulita, mettere i cuccioli accanto per fare la foto, poi rimettere la mamma e cuccioli nella scatola…sono momenti delicati e non si può perdere tempo per fare una foto bella e pulita, né si può rischiare che la madre (per fortuna le abbiamo adorabili e buonissime) si innervosisca ed alteri il normale svolgimento del parto per i nostri spostamenti fotografici.Va lasciata in pace,coccolata,aiutata e al massimo un leggero disturbo per il flash.

Credevamo di fare una cosa “comprensibile” e di rara visione, ma al tempo stesso ho capito che l’osservazione era giustissima. Rivedendo le foto attentamente e riflettendoci sopra come un estraneo ho capito che chi le guarda e non ci conosce o non ha mai avuto gavidanze può benissimo dire : li fanno partorire in cantina? Non hanno i soldi o non li vogliono spendere per una cuccia decente, pulita, sono cani dell’Est? Non sanno che ci sono le traversine igieniche?

Quindi in futuro presenteremo i cuccioli con foto a fine parto, su traversina pulita, cuccia di plastica ecc, però il parto lo faremo sempre nello stesso modo. Sembra che le mamme così facendo si trovino benissimo.

Inoltre per 1-2 giorni le lasciamo con i cuccioli nella stessa scatola del parto, con traversina pulita ecc, poi facciamo andare la mamma ed i cuccioli in una gabbia nursery isolata, chiusa  per farla sentire sicura che nessuno si possa avvicinare. Se una famiglia avesse solo una chihuahua la potrebbe lasciare libera in una stanza, magari lontana da ospiti sconosciuti o persone che conosce ma poco frequentate. Massima deve essere la tranquillità e massimo il controllo dei cuccioli.

Qualsiasi cane deriva dal lupo, infatti abbaiano, ringhiano,mordono,sono carnivori, sono gelosissimi della prole che difendono da tutto e tutti.Dalla taglia più piccola alla più grande i cani mantengono gli stessi istinti ancestrali del progenitore lupo.Poi possiamo mettergli il vestitino, abituarli ai comandi ecc…ma il loro istinto è un’altra cosa.

Si potrebbe pensare ad un lupo che gratta una cucciona di plastica per accogliervi i cuccioli? Oppure che cerca un posto pulito, ordinato dove delicatamente partorire? No. Il lupo ed il cane devono fare la tana, il nido per sentirsi sicuri, ed anche la chihuahua, pur isolata in una stanza tutta sua ha l’istinto di scavare, preparare un giaciglio morbido per il futuro parto. Anche se è il primo e non ne sa niente, non ha fatto il training autogeno come noi umani,sente che sta succedendo qualcosa ed ha l’istinto di prepararsi a ciò che ancora non conosce. Quindi  un scatola da grattare, sminuzzare,disordinare e distruggere è un buon surrogato al terreno, al bosco, alle foglie che troverebbe in natura se fosse allo stato selvatico.

Prendiamo Maithong nell’ultimo parto da cui è scaturita la discussione, ha iniziato 3-4 sere prima a distruggere traversine, giornali, grattare freneticamente scatole di cartone. Durante il parto aveva 2 scatole, una più grossa, una più piccola, via via si spostava da una all’altra per scegliere quella più adatta….Come possiamo andare contro il suo istinto mettendo via via a posto o mettendo nidi belli, ma non grattabili e distruggibili?

Per questo motivo continueremo a fare così, magari facendo fotografie per noi, come ricordo, nelle scatole durante il parto,e presentando però al pubblico solo la foto di gruppo  con i cuccioli, “pulita” di fine parto.

Se si guardano le foto abbiamo anche lasciato giornali e traversine disordinate, al loro posto, lei le ha conciate così, per lei vanno bene così, perché alterare l’ambiente che ha creato? Anche metterle un pile al posto di giornali o traversine...che gusto c'è? Non si può grattare e spezzettare come la carta. L’unica cosa che facciamo via via è cambiare traversine o giornali della base-cuccia perché con il liquido placentare diventano troppo umidi e vogliamo che i cuccioli non rimangano troppo sul bagnato. Ma non sarebbe indispensabile, ci pensa la mamma ad asciugarli e pulirli amorevolmente con la lingua-asciugamano.

Forse le foto che le persone apprezzerebbero e che farebbero dire che l’allevamento è perfetto, pulito, sarebbero queste, ma sono fatte il giorno dopo, quando la mamma ha smaltito la paura e la fatica, quando i cuccioli si sono ripresi dallo shock del parto, quando tutto ormai ha preso il giusto ritmo. Sono senz’altro belle,dolci e delicate, ma rendono l’idea del parto?

Ed anche per noi umani…bello vedere la nostra piccola nata dietro il vetro della nursery con il vestitino bianco ed il fiocco rosa o blu, ma se lo ricorda il padre, se ha asistito al parto,lo spettacolo che ha visto?

-----------------------------------------------------

-----------------------------------------------------

abbiamo copiato una news del 18 Novembre 2012  inserita in Ultime notizie :

 

parto 18 catalina 29

parto 18 catalina 32

Catalina è esausta.Da come viene ridotta la robusta scatola di cartone si capisce cosa sia il travaglio del parto anche per i cani. Queste foto sono state bonariamente criticate da acuni nostri amici allevatori.

E' un parto nella scatolachiaramente da noi voluto non per risparmiare o per trascuratezza ma solo per dar modo alla mamma di scatenare la sua voglia distruttrice quando arrivano le contrazione e prepara il nido dove accogliere i cuccioli.

Ci sono i buchi nel cartone, sangue,giornali strappati ed insanguinati, ma lei ora, a  fine parto è felice.

Una foto un pò cruda, ma pensiamo che un domani, se qualcuno di voi avesse una femmina in attesa del parto, dovrebbe prepararsi a queste scene e dovrebbe non accoglierla in coperte rosa e cucce di plastica, ma in un ambiente a lei adatto, come una scatola da distruggere e spocare, senza lenzuoli che non si rompono o stracciano, senza peli di calde coperte che potrebbero impiastricciare i cuccioli che, usciti dalla placenta sono completamente bagnati.

Sempre i nostri amici ci dicono (e lo apprezziamo come qualsiasi osservazione positiva o negativa ci venga rivolta) che per le persone sia meglio una scena linda, pulita che dia un aspetto migliore al nostro allevamento. Ognuno ha le sue idee, diciamo che non facciamo questo per pubblicità, ma solo per rendere partecipi le persone di cose reali e probabilmente ripetibili con i loro chihuahua.

Chi ci conosce sa quanto amiamo i nostri Chihuahua e mai ci passa per la mente di risparmiare o  trascurarli. Comunque le foto del dopo parto, una volta che i cuccioli sono stati puliti ed asciugati dalla madre, una volta che abbiamo pulito e buttato via tutto, una volta che Catalina è nella sua sistemazione definitiva sono queste:

parto 18 catalina 35

parto 18 catalina 46

Nella foto sopra si intravede la base della lampada ad infrarossi che terremo sempre accesa per almeno una settimana. Se i cuccioli crescessero poco e fossero di minima taglia la teniamo accesa anche 3 settimane.

Purtroppo non è stato un parto facile. Sono morti 2 cuccioli. Il primo è uscito di testa ma è rimasto incastrato, lo abbiamo dovuto tirare fuori noi ma era morto.Quando il primo rallenta l'uscita, gli altri che seguono, spesso, si girano nell'addome della madre e perdono il loro normale orientamento rischiando di nascere podalici.Infatti è successo proprio questo, ed erano anni che non ci succedeva.

Catalina è sempre stata una mamma perfetta e non è colpa sua chiaramente. Abbiamo dovuto aiutarla.

Abbiamo sudato freddo perchè 4 neonati podalici non son uno scherzo, bisogna tirare,ruotare il cucciolo con forza e delicatezza, lentamente ma alla svelta, attenzione massima a non far male ai cuccioli che, bagnati ti sgusciano tra le mani come anguille e perdi di continuo la presa giusta,non c'è una regola, si va ad intuito cercando di capire qual'è la manovra più adatta per aiutare la madre che nel frattempo sente male, cerca di scappare, si lamenta.Uno purtroppo, dopo il primo, è morto, gli altri 3 stanno benissimo e dopo poche ore Catalina era raggiante, espressione stupenda, prorprio felice e persuasa dei suoi cuccioli.

Dopo pochi minuti erano già tutti e 3 alla puppa. Noi...un pò tristi, un pò contenti. Ci diamo sempre colpe quando succede qualcosa di negativo, ma non è facile, credeteci, anche con molta esperienza c'è sempre l'imprevisto e l'ineluttabile. E' la vita, è la natura che decide.

Abbiamo fatto alcue foto alle cucce che consigliamo per i parti. Semplici, ma pratiche per le mamme e non fatte al risparmio, ma in base all'esperienza.

Non ci sono pile, traversine che sporcano i cuccioli con i peli o con il materiale sintetico dato che le mamme durante il travaglio in genere distruggono tutto, traversine comprese.

Magari non stupende a ivello fotografico, ma pulite, essenziali. In genere aggiungiamo solo dei giornali alla base. Quando iniziano ad essere distrutti, strappati, è segno che la mamma prepara il nido e quindi siamo vicinissimi al parto.

-) GRAVIDANZA E PARTO vedi

-) IL PARTO vedi

-) PARTO CESAREO vedi

5105559

5105558

La base la incidiamo in modo che non sia perfettamente liscia. Questo perchè i piccoli appena nati abbiano una presa sul terreno per spingersi meglio e con forza verso le mammelle della mamma.

Anche nei giorni seguenti, quando li spostiamo, il pavimento non deve essere perfettamente liscio altrimenti si rischia la

"Sindrome del cucciolo nuotatore"

Consiste in un cucciolo che non riesce ad alzarsi sulle gambe e rimane sdraiato a pelle d'orso. Questo perchè, pieni di latte, tendendo ad ingrassare velocemente, se non hanno un pavimeno ruvido su cui fare presa con le zampe, scivolando di continuo a gambe larghe...ad un certo punto non riescono più ad alzarsi e muoiono. Non è frequente per fortuna ma può succedere.

5105560

 

 

Pubblicità

Tartufo.org - Tutto sul mondo dei tartufi

fb

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI ED APPUNTAMENTI TELEFONARE A MICHELA 3890904893